Lavoro dell’alunna Giovanna Petrillo classe III della Scuola Secondaria di I grado